Mito Lancia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Lancia Aurelia

E-mail Stampa PDF
La storia della Lancia Aurelia, la prima automobile di grande serie mossa da un motore a sei cilindri a V di 60°, iniziò durante la Seconda Guerra Mondiale. In quel periodo l'ingegner Francesco De Virgilio, esperto nel difficile problema della equilibratura dei motori a V, venne incaricato dalla Lancia di esaminare un precedente progetto di un albero a gomiti destinato ad un motore a sei cilindri a V di 39°. De Virgilio concluse lo studio osservando che non sarebbe stato possibile ottenere un funzionamento soddisfacente se non aumentando l'angolo tra le due bancate fino al valore ottimale di 60°. Dopo la fine della guerra, in previsione di produrre una nuova serie dell' Aprilia, si realizzò un nuovo motore di 1569 cc, ma con angolo di 45°, il massimo possibile per poter essere alloggiato nel vano motore della berlina. Il prototipo girò per tutto il 1947, ma l'anno seguente l'idea di evolvere l'Aprilia venne definitivamente abbandonata, in favore di un modello del tutto nuovo: la Aurelia.
lancia aurelia 1950
La direzione tecnica del nuovo progetto fu affidata al genio di Vittorio Jano, dal 1937 responsabile del reparto esperienze Lancia ed in precedenza "padre" delle Alfa Romeo P2, 1750, 2300, 2900 e P3. Così, mentre Jano si dedicò allo sviluppo dell'autotelaio (a lui si deve tra l'altro la sospensione posteriore a ruote independenti), De Virgilio, con la collaborazione di Ettore Zaccone-Mina, fu libero di disegnare un motore che rispettasse le sue convinzioni teoriche, adottando la soluzione definitiva delle bancate disassate con apertura di 60. L' Aurelia fu prodotta in un grande numero di versioni, differenti per tipo di carrozzeria e per motorizzazione. Nella tabella seguente sono riassunti i modelli fondamentali che hanno segnato la fortunata vita di questa splendida automobile; i collegamenti permettono di accedere a fotografie e descrizioni più dettagliate di alcuni modelli. Le potenze indicate sono le più alte di cui ogni modello è stato dotato nelle sue diverse varianti: per esempio la Aurelia B20 2.5 litri ha adottato, nel corso della sua produzione, motori con potenza compresa tra i 110 ed i 118 CV.
lancia aurelia

Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Marzo 2011 13:53